A chi la racconti? La voce dei commercianti che hanno scelto la rete per sviluppare il proprio business: Nico Caradonna


Notice: Undefined variable: handle_code in /home/danie407/public_html/wp-content/plugins/click-to-tweet-by-todaymade/tm-click-to-tweet.php on line 231

Notice: Undefined variable: handle_code in /home/danie407/public_html/wp-content/plugins/click-to-tweet-by-todaymade/tm-click-to-tweet.php on line 231

Notice: Undefined variable: handle_code in /home/danie407/public_html/wp-content/plugins/click-to-tweet-by-todaymade/tm-click-to-tweet.php on line 231

Notice: Undefined variable: handle_code in /home/danie407/public_html/wp-content/plugins/click-to-tweet-by-todaymade/tm-click-to-tweet.php on line 231

Ne abbiamo chiacchierato, ne abbiamo predicato, ne abbiamo blaterato per mesi, ripetutamente, su questo blog del fatto che una corretta presenza in rete è in grado di migliorare considerevolmente il business di ogni impresa, anche della più piccola purché sia ben gestito e amministrato.

Abbiamo parlato di teoria, abbiamo ragionato sulle buone pratiche da seguire, abbiamo visto insieme come applicare il know how passo per passo ma, sebbene la rubrica #smm4shop fosse una pietanza gustosa, mi sembrava mancasse di qualcosa, di quell’ingrediente segreto che trasforma un buon piatto in una esperienza a tutto tondo.

Ci ho pensato su durante l’estate quando una mattina mi sono svegliata e ho scoperto l’acqua calda: ma che segreto e segreto? L’ingrediente ce l’abbiamo tutti sotto il naso, solo che non lo vediamo: l’ingrediente segreto è l’esempio! E’ guardare cosa hanno fatto gli altri (magari quelli che ce l’hanno fatta, eh), leggerli, ascoltarli e capire attraverso le loro esperienze le dinamiche e i meccanismi che stanno regolando il loro successo.

A quel punto è stato facile individuare alcuni commercianti che avessero una solida presenza in rete, escludendo ovviamente negozi aziendali e franchising, contattarli, chiedere loro di raccontarsi e voilà!

Senza ulteriori ed inutili preamboli quindi vorrei partire da qui per intraprendere con voi un viaggio attraverso i racconti di chi non è stato fermo sulla porta del suo negozio a guardare la gente che passava, continuando a maledire la crisi e il governo, ma ha aperto gli occhi su ciò che è il nostro presente e il nuovo modello di comunicazione che passa attraverso la rete. E ha scelto.

Dobbiamo aspettare qualcuno? Ci siamo tutti? Bene, perchè cominciamo subito con

Nico Caradonna, l’ottico del web.

Nico Caradonna per Daniela Patroncini

 

Ciao Nico, ci racconti un po’ di te e della tua azienda? Così cominciamo a capire quale è stato il tuo percorso

Ciao Daniela! Ok, ti racconto tutto dall’inizio. Il luogo in cui passo la maggior parte del tempo, in una giornata tipo, è sicuramente il nostro negozio di famiglia che si chiama VisionOttica Caradonna. L’ottica è nata esattamente venti anni fa dall’idea di Cosimo Caradonna, mio padre, un ottico professionista che ha fondato tutto sulla professionalità e l’innovazione per garantire prodotti, servizi e benessere visivo ai clienti.

La nostra sede in questi venti anni non è stata sempre la stessa, infatti dal 2007 operiamo in un nuovo spazio più comodo ed accogliente ma sempre in pieno centro a Modugno, in provincia di Bari.

Un cambiamento in meglio allora! E’ cambiata solo la sede o è successo anche qualcos’altro?

Altrochè! Così come è cambiata nel tempo la nostra sede per vivere meglio l’esperienza professionale quotidiana in compagnia dei nostri clienti, allo stesso modo sta mutando il modo di essere presenti sul mercato differenziandoci dai nostri competitor. In questo processo entro in gioco io, Nico Caradonna, ottico ortottista e riabilitatore visivo con un istinto creativo indomabile.

Cosa è successo nel tempo?

Ho lavorato per otto anni in un ospedale pubblico di Bari pensando che la mia vita sarebbe stata quella di un bravo ortottista. La crisi però mi ha fatto un grande favore: mi ha portato via un contratto di lavoro pubblico e contemporaneamente mi ha regalato il coraggio di provare a scommettere su me stesso. Non avevo possibilità di scelta, dovevo necessariamente cambiare strategia! Allora sono entrato in punta di piedi nella realtà imprenditoriale della mia famiglia e mi sono dedicato alle mansioni che più mi gratificavano: la ricerca di occhiali di design, la comunicazione ed il marketing.

Oggi quindi sono qui a raccontare la mia esperienza su questo blog e questo vuol dire che in fondo non sta andando male, anzi! 🙂

Direi proprio di no da quel che vedo in rete! E tu come hai affrontato questa sfida?

Il lavoro in rete in termini di visibilità e produttività è estremamente complicato. Pensare di esserci in modalità “faccio tutto io tanto è facile e gratis” è il miglior modo per fallire, garantito. Ognuno deve fare il suo lavoro ed io in questi anni ho fatto prima di tutto l’ottico. Per sviluppare un progetto online (ma anche offline ovviamente) è necessario esser supportati in maniera efficace da chi conosce gli strumenti della comunicazione.

Ho avuto la fortuna di incontrare professionisti speciali che mi hanno aiutato a capire come funzionano i social, come si costruisce una strategia digitale e perché oggi è così importante lavorare bene in rete.

Da parte mia c’è di fondo una passione innata per la comunicazione e per internet, tant’è che da adolescente sognavo di fare il creativo pubblicitario e mi divertivo ad inventare slogan e brand di nuovi prodotti!

Ah, allora un po’ di talento c’è! Ma quali sono state le spinte forti che ti hanno accompagnato in questa scelta?

La passione mi ha agevolato tanto nello studio di numerosi libri di comunicazione e marketing digitale, la motivazione invece è sempre stata la marcia in più per tutto quello che ho realizzato in questi anni.

Dimmi Nico, come proponi la tua azienda in rete? Professionale e privato: riesci a farli convivere sui social network?

Attualmente sono presente in rete con un blog di occhiali di design e benessere visivo e sono attivissimo sui social, in particolare su Facebook e Instagram.

Gestisco in maniera differente la mia presenza sui Social perché ci tengo a mantenere il giusto tone of voice su ogni canale, distinguendo sempre il contesto pubblico da quello privato.

Utilizzo diversi strumenti che la rete offre per migliorare la mia presenza e visibilità ma quello che non perdo mai di vista è me stesso. Sui Social io sono sempre Nico Caradonna e lo sarò sempre, però con gli strumenti giusti cerco di migliorare ogni giorno la mia presenza, per diffondere sempre meglio i miei progetti. Dall’altra parte dello schermo c’è sempre una persona e non mi sognerei mai di costruire qualcosa di falso per prendere in giro chi mi segue. Ho adottato da sempre la strategia della coerenza e trasparenza, per questo incontrarmi in negozio o sul blog ed la stessa ed identica cosa.

Allora l’ingrediente “segreto” è proprio Nico!

Forse sì! Il lavoro online richiede un grandissimo impegno sull’attività di Personal Branding. Io ci lavoro da almeno tre anni e non ho mai smesso di impegnarmi su questo fronte.

E hai avuto riscontri?

Attualmente sto ricevendo proposte di collaborazione retribuite, una cosa assolutamente nuova per me. Fino ad ora ho scartato tutte quelle richieste di visibilità gratuita o in cambio di campioni/regali ed altro. Queste modalità non mi interesseranno mai! Le aziende abituate a questo tipo di rapporti hanno a disposizione centinaia di fashion blogger con cui collaborare, io offro altro. Il mio modo di comunicare e divulgare un prodotto, un progetto attraverso i miei canali è qualcosa che non può prescindere dai miei sentimenti. In altre parole se qualcosa mi piace davvero sono disposto a pubblicizzarla gratuitamente così come son capace di rifiutare una collaborazione remunerata per progetti che non considero coerenti con la mia mission.

Questo non vuol dire che rinuncio facilmente al business ma semplicemente ho ben chiaro il target per il business che vorrei sviluppare. Mi piacerebbe iniziare collaborazioni con startup e brand affermati del mio settore disposti ad investire budget sul mio metodo di comunicazione.

Quindi come definiresti ciò che differenzia il tuo lavoro (e quindi anche il tuo negozio) da quello degli altri?

Il mio lavoro non si limita a mostrare qualcosa attraverso foto ed articoli ma a raccontarla con pieno coinvolgimento, con la voce di un professionista del settore.

E i risultati..

Attualmente collaboro con una grande realtà del mondo dell’ottica, una multinazionale presente anche in Italia con una buona presenza sul mercato delle lenti oftalmiche. Per loro mi occupo della comunicazione di prodotti oftalmici, quindi di lenti e trattamenti di nuova generazione, attraverso il mio blog ed i miei canali social. Stiamo raggiungendo ottimi risultati in termini di visibilità insieme e siamo già al lavoro per il prossimo anno. Dal mio punto di vista iniziare le collaborazioni con una multinazionale non è proprio male come partenza, anzi! 🙂

Tutto questo è solo l’inizio di un lungo percorso che ogni giorno si arricchisce di nuove idee e progetti. Quando sono partito con la mia esperienza sul digitale, molte cose non esistevano neanche nella mia mente.

Ad esempio la nascita dell’#OtticoDelWeb non era prevista! Facendo esperienze e confrontandomi con amici ed esperti del settore è nata questa rubrica sul blog che oggi è anche video con un canale dedicato su YouTube. Il successo di questa iniziativa mi spinge a pensare (e sperare!) che in futuro il mio blog potrà avere una grande utilità, in particolare per gli utenti della rete che cercano informazioni e novità sul mondo degli occhiali e del benessere visivo.

Quindi non hai mirato solo ad AVERE, ma hai scommesso sul DARE. E’ così?

Sì. Questa utilità sociale è alla base di tutti i miei progetti. Tutto quel che realizzo è per le persone perché sono queste che muovono il mondo.

Le vendite (e magari anche le collaborazioni!) prima o poi arrivano. La cosa importante per me è non focalizzare troppo su questo aspetto perché limita troppo la mia visione da imprenditore.

Dove pensi possa portare la tua azienda questo modus operandi?

Nel mio futuro vedo una perfetta integrazione tra visibilità ed operatività online ed offline, con la costruzione di una rete di professionisti partecipi della mia visione imprenditoriale.

Quindi potenzierai la tua presenza in rete?

Solo in questa maniera potrò rafforzare la mia presenza sul mercato, per ambire a risultati sempre migliori con idee nuove, tali da garantirmi una posizione diversa rispetto ai miei competitor.

Insomma, l’Ottica Caradonna e l’#OtticoDelWeb si fonderanno sempre più in futuro e lo faranno in una chiave molto social perché per fare business è necessario lavorare bene ma soprattutto essere in compagnia divertendosi!

 

Grazie Nico, sono certa che la tua testimonianza sia preziosa per chi sta ancora tentennando nell’indecisione di utilizzare la rete. Naturalmente resti qui con me per rispondere ai commenti e alle domande, vero?

 

 

Nico

 

NICO CARADONNA

Blog nicocaradonna

Profilo Linkedin

Pagina facebook

Twitter

Instagram

#otticodelweb

 

 

 

 

Curiosa, mai sazia, innamorata della rete. Social Media Manager non per caso ed Event Manager da una vita. Poco accademica e molto pragmatica, positiva, propositiva e tenace, ho sempre un progetto in fieri e un piano B. Mangio poco, dormo poco, corro molto. E intanto penso.

Loading Facebook Comments ...

One thought on “ A chi la racconti? La voce dei commercianti che hanno scelto la rete per sviluppare il proprio business: Nico Caradonna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Visita l’archivio dei post

Seguimi su Facebook

Seguimi su Twitter

Accerchiami su Google+

Seguimi su Linkedin

#adotta1blogger

Privacy Policy

Privacy Policy

Cookie Policy

Privacy Policy

Copyright 2015 by Daniela Patroncini. P.Iva 02649220353. All right reserved. This site is proudly powered by Viola Zaccari

Copyright ® Daniela Patroncini - 2018 - Piva 02649220353 - Privacy Policy - Cookie Policy