Categoria: About me

Reactions di facebook. Mettici la faccia!

 

Faccia o faccina? Le Reactions di Facebook e la verità celata.

Sono arrivate ieri, come rondini a rimavera, annunciate, agognate e richieste persino dagli utenti, si chiamano Reactions e nell’arco di qualche giorno invaderanno i commenti di tutti i post su Facebook.

Sono le faccine che ora puoi mettere al posto di un semplice Like, quello che prima voleva dire un sacco di cose tipo “ mi piace”, “ti ho letto”, “ti sto tenendo d’occhio”, “non mi piace quello che hai detto ma l’argomento mi interessa” eccetera, eccetera, eccetera.

Va beh, sembrava un po’ limitante, gli utenti lo percepivano un po’ stretto, Mark al solito li ha ascoltati per bene e ha sganciato una release che potrebbe accontentarne tanti. Continue reading Reactions di facebook. Mettici la faccia!

Il libero professionista, lo zen e l’arte della sopravvivenza al cuGGino

Certe cose, c’è poco da fare, tornano sempre a galla.

Lungi da me l’idea di fare paragoni irriverenti ma questa storia del cuGGino è proprio come certi elementi, più o meno fisiologici, che restano sopiti per un po’ ma basta una piccola rimestatina ed eccoli lì che galleggiano.

Un po’ di tempo fa proiettavo questa slide al Mashable Media Day a Milano suscitando apprezzamenti, sorrisi, e una valanga di tweet: un bambino stupendo, una foto professionale e un argomento caro a tutti. Era vincere facile, lo so.

Continue reading Il libero professionista, lo zen e l’arte della sopravvivenza al cuGGino

Caro diario, oggi sono diventata la mamma di mia figlia.

Sabato. Abbiamo dormito in albergo per non correre il rischio di rimanere intrappolati nel traffico. È una bellissima giornata di sole, è estate conclamata ormai e la luce è forte. È l’unico particolare che ricordo oltre alle sedie della sala d’attesa della psicologa dove dovevamo incontrarci per andare alla casa famiglia. È strano come il cervello ricordi inutili dettagli e rimuova tratti importanti di una vicenda.

Partiamo in auto e, in tutta sincerità, del viaggio di andata non ricordo nulla. Non saprei davvero dire se qualcuno di noi abbia proferito parola oppure no.

Io con la testa non c’ero davvero. Continue reading Caro diario, oggi sono diventata la mamma di mia figlia.

Visita l’archivio dei post

Seguimi su Facebook

Seguimi su Twitter

Accerchiami su Google+

Seguimi su Linkedin

#adotta1blogger

Privacy Policy

Privacy Policy

Cookie Policy

Privacy Policy

Copyright ® Daniela Patroncini - 2018 - Piva 02649220353 - Privacy Policy - Cookie Policy